< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/11/2007

    Tra un mesetto

    Filed under: — JE6 @ 13:45

    Ho cambiato residenza il 27 febbraio di quest’anno. Un’ora fa ho telefonato alla Motorizzazione Civile per sapere se avevano notizie dei tagliandi di aggiornamento della mia patente. La signora con la quale ho parlato mi ha detto “Credo che il Comune di Milano se la sia presa un po’ comoda, perchè noi qui non abbiamo niente che la riguardi“. Le ho chiesto cosa mi suggeriva di fare, e la sconsolata risposta è stata “Risentiamoci tra un mesetto“.

    Ciò che potrebbe essere

    Filed under: — JE6 @ 11:25

    Mi hanno appena dato una notizia piuttosto drammatica sul conto di una ragazzina, una sedicenne che conosco di vista, parente di ottime persone che conosco molto bene.
    Uno di quei piccoli drammi tanto comuni, che tutti conosciamo e sui quali discutiamo pomposamente bevendo un caffè, perchè tanto non toccano e non toccheranno mai noi, ma sempre gli altri.
    Mentre mi veniva descritta la situazione di questa adolescente, metà del mio cervello e tutto lo stomaco hanno lasciato la stanza se ne sono andati per conto loro, mentre le orecchie continuavano ad ascoltare e la bocca continuava a dire “quanto mi dispiace, ma vedrai che si mette tutto a posto“: cervello e stomaco sono tornati a casa, hanno disinserito l’antifurto, hanno acceso la luce dell’ingresso, hanno percorso il corridoio e sono entrati in camera di mia figlia (che oggi è mia figlia, e non la persona corta). Si sono fermati a guardare i peluche, le tende colorate, le Barbie, i dvd dei cartoni animati. Hanno provato a immaginare mia figlia nella stessa situazione di quella ragazzina: si sono guardati, e non hanno saputo cosa dirsi.

    Qualcuno, questa mattina, mi ha fatto notare che il post era ancor più confuso del solito – e del voluto. Era vero: ho provato a rimetterci mano ma non credo di aver ottenuto grandi risultati. Comunque non preoccupatevi, sono solo le paturnie di un padre.