< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/11/2007

    Sperimentale

    Filed under: — JE6 @ 11:26

    Nei primi quattrocento chilometri di questo simpatico tour Milano-Arezzo-Pescara-Milano di oggi e domani ho provato a contare quanti “tratti sperimentali” si susseguono, decine di chilometri lungo i quali dovrebbe essere testata – credo – l’efficacia della segnaletica antinebbia. Ci sono da quando ho memoria autostradale, e mi chiedo quanto diavolo deve durare la sperimentazione, se è ancora in corso o se, più semplicemente e italianamente, quei cartelli sono stati dimenticati e lasciati al loro triste destino di eterno oblio.

    One Response to “Sperimentale”

    1. cybbolo Says:

      secondo il fine psicologo dell’ANAS questi cartelli dovrebbero istillare un vago senso di inquietudine nell’ambito del concetto di esperimento e quindi conseguentemente dovrebbero tenere più desta l’attenzione dell’automobilista.
      così almeno credo.
      poi arrivi tu e ti metti a gridare che il re è nudo…
      Un poco come quei cartelloni elettronici che ti dicono a quanto vai: ho fatto un terno con quei numeri, escludendo il novantasette…

    Leave a Reply