< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/11/2007

    A volte c’è, a volte no

    Filed under: — JE6 @ 17:04

    Qualcuno ha una pur pallida idea di che cosa sia una terza corsia “dinamica” e di come diavolo la si possa costruire (ad esempio a Bologna San Lazzaro, dove il cartello della Società Autostrade fa bella mostra di sè)?

    Buone notizie

    Filed under: — JE6 @ 09:15

    Nella veloce scorsa che ho potuto dare a Repubblica, ieri, mi sono balzate all’occhio due notizie che reputo notevoli e che invece non mi pare abbiano avuto grande spazio – a partire dallo stesso giornale sopracitato.
    La prima è che a Baghdad si sta un po’ meglio, o un po’ meno peggio; non entro nei dettagli, l’articolo prende una pagina ed è la riduzione di un articolo più lungo del New York Times, ma il succo è quello: meno morti, un pochino più di normalità.
    La seconda è che due gruppi di ricercatori hanno trovato il modo per creare cellule staminali come quelle embrionali (pluripotenti, mi pare che si chiamino), senza però dover usare gli embrioni.
    Ora, sono entrambe buone notizie, credo che su questo ci possiamo trovare d’accordo. Rispetto alle quali però in molti storcono comunque il naso, perchè nell’irrefrenabile desiderio di contestualizzare e catalogare (politicamente, socialmente, economicamente) tutto e tutti queste notizie sembrano dare ragione agli “altri”: a Bush, ai neocon, a Giuliano Ferrara, al cardinal Ruini – ci siamo capiti.
    Ci casco anch’io. Quando ho letto che i morti giornalieri di Baghdad sono passati da 35 a 5, il primo pensiero che ho avuto è stato “beh, cazzo, hai detto poco: cinque morti al giorno”. Mi sono un po’ vergognato di me stesso. Il fatto è che il miglioramento della situazione nella capitale irachena e la scoperta dei ricercatori sono buone notizie in sè che non necessariamente danno ragione a idee, politiche e visioni del mondo che ritengo sbagliate. Sono altro, e dovrei diventare capace di rendermene conto – sempre – e perciò di godermele per quello che sono: buone notizie, appunto.