< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/11/2007

    Greetings from Ljubljana – 5. Come in un film

    Filed under: — JE6 @ 08:36

    Ancora a proposito di suoni. Passo in Stiska Ulica, una viuzza della città vecchia. Sento ancora i suoni degli archi, sembrano provenire non da una stanza in particolare ma dalla casa intera – il che, nel buio serale, fa sembrare il tutto come una scena presa di peso da un film di Dario Argento. Il cartello che sta a fianco del portone di ingresso parla di Akademija zsa glasbo, e quindi ne so quanto prima; giro l’angolo perchè sento dei suoni più vicini, e noto con un minimo di stupore che hanno tirato le tende della stanza dove qualcuno sta provando un pezzo, ma non quelle dei bagni che anch’essi danno sulla via, come a dire “non mi interessa se mi vedi con le mutande abbassate, ma non mi disturbare mentre suono”.

    6 Responses to “Greetings from Ljubljana – 5. Come in un film”

    1. vic Says:

      Stiska Ulica è un nome potente, Stiska Ulicazzi lo sarebbe stato ancor di più, ma accontentiamoci.

    2. Zack Says:

      “presa di peso” mi piace troppo…

    3. Squonk Says:

      Vic, lei mi si sta incialtronendo.

    4. laflauta Says:

      Mi sa che il pensiero non è che gli altri vedano, ma che noi si veda gli altri. E ci si sconcentri.
      Brutta gente, i musicanti.

    5. ilaLuna84 Says:

      Può essere una filosofia interessante! 😀

    6. Mayaliny Says:

      Ciao, ho parlato di questi tuoi post qui (non so se il trackback ha funzionato):

      http://www.lubiana.org/2007/11/28/internet/flash-impressioni-lubianesi/

      😉

    Leave a Reply