< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocit√†
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/01/2008

    Greetings from Ljubljana ’08 – 5. Regole

    Filed under: — JE6 @ 13:44

    Where do you come from, sir?
    She comes from Spain, I come from Argentina.
    I see, that’s why you are taking hundreds of pictures even if it is forbidden.

    (Vede signora, per noi di Mitteleuropa una regola è una regola. Per loro no)

    Greetings from Ljubljana ’08 – 4. Ovatta

    Filed under: — JE6 @ 13:38

    Finisco la riunione, e decido di fare un salto in centro a cercare il magnete da frigorifero che non ho trovato a novembre. Mi fermo a guardare la gente che attraversa questa piazza che mi pare si chiami della Vergine Maria, e se non dovessi tornare a casa starei qui ancora e ancora, una pivo in mano, ad ascoltare il suo quieto silenzio.