< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/01/2008

    Magari accetta

    Filed under: — JE6 @ 18:22

    La verità è che la modernità è una gran fregatura, perchè se fossimo ancora una sana società patriarcale io inviterei EmmeBi a bere una bottiglia di rosso e proverei a combinare il matrimonio tra la mia persona corta e il corto che gli somiglia, chè quel ragazzino è uno che la sa lunga.
    [Così poi io e il consuocero si va a far baracca insieme agli happy hour]
    EmmeBi

    Noi, a seguire

    Filed under: — JE6 @ 13:26

    Conosco un buon numero di persone che credono che lo sviluppo e la diffusione della tecnologia e delle sue applicazioni ci porteranno, entro un periodo di tempo ragionevolmente breve, a rendere concrete le magnifiche sorti e progressive che oggi stanno in gran parte ancora solamente nelle rutilanti descrizioni date dalle riviste tecnologiche. Sono gli alfieri della banda larga, gli apostoli del social network, i padri pellegrini del web 2.0. Grazie a Dio esistono, perchè sono quelli che aprono la via grazie all’ottimismo della speranza. Devono fare il doppio o il triplo della fatica, perchè hanno noi come zavorra: noi che frequentiamo una porzione sempre più piccola della famosa blogosfera perchè c’è troppa gente stupida e altrettanta che scrive “ke tvtb”, noi che pensiamo che il novanta per cento di ciò che viene etichettato come social o 2.0 non è nemmeno una questione di marketing ben camuffato bensì una semplice puttanata, noi che non crediamo che la Slovenia cresca economicamente sei volte più dell’Italia perchè ha un tasso di accesso alla rete dieci volte superiore ma perchè c’è un sistema di persone capace, voglioso e ottimista, e la Rete è solo uno dei mille elementi che fanno funzionare quel sistema – e nemmeno il più importante.
    Qualche giorno fa un dentista mi diceva “Sa, noi abbiamo il difetto di pensare che quasi tutti i problemi del corpo dipendano dai denti: le ernie, gli attacchi di cervicale, le cefalee, le ipertensioni; ma non è vero, i denti sono una delle moltissime cose che nel corpo funzionano più o meno bene; meglio funzionano meglio è, ovviamente, ma non ci dia troppo retta: a me per primo”. Ecco, il nostro scalcagnato paese va come va non perchè la rete Telecom non viene scorporata o perchè le tariffe Adsl sono le più alte dell’universo mondo; no, va come va perchè noi siamo quelli che usano la dinamite per far saltare i magistrati, molti altri la usano invece per costruire i tunnel ferroviari.