< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/01/2008

    Poi vi so dire

    Filed under: — JE6 @ 14:03

    Tra meno di un mese il titolare qui passerà un paio di giorni in quel di Leeds, e cercherà di capire se è vero che le ghiandole mammarie delle inglesi sono sempre più grosse.
    Corriere.it

    Negare, sempre, anche l’evidenza

    Filed under: — JE6 @ 13:26

    La verifica-bar non dice che tanta gente ha cambiato idea (in peggio) sul conto di Romano Prodi e della sua arlecchinesca maggioranza: dice che nessuno ha votato per lui, due anni fa. Bravi, così si fa.

    La macchina del tempo

    Filed under: — JE6 @ 12:55

    Se dovessi giocare dieci Euro su chi è il responsabile tra Canada Post e Poste Italiane, a dispetto della carità di patria li punterei sulle seconde. Fatto sta che mi è appena arrivato un invito per una Conference a Chicago. Quella alla quale ho partecipato verso la metà di ottobre 2007.

    Saluti da Fiesole

    Filed under: — JE6 @ 08:28

    Mir Dad Khan era nato in India, in un piccolo paesino di un paese enorme; ma era nato nel momento sbagliato, aveva l’età giusta per essere chiamato dall’esercito a combattere una guerra in luoghi lontanissimi dei quali nessuno nel suo villaggio aveva mai sentito parlare. Si ritrovò a indossare la divisa del 16th Frontier Force Rifles, e venne a morire nel giugno del 1944 su una collina dalla quale si poteva vedere un fiume tranquillo scendere verso la grande città e poi verso il mare: si lamentò in una lingua che nemmeno tutti i suoi compagni potevano comprendere, la vecchia lingua dei suoi nonni e dei suoi bisnonni, e per un brevissimo istante, mentre cercava di sopravvivere, gli riaffiorò la domanda che si era fatto mille volte in quei mesi lontano dalla sua casa: dove sono? E cosa ci faccio qui? Aveva 17 anni.
    Pochi giorni dopo la stessa sorte toccò al Guardsman J. A. Eastwood, di 21 anni, e al Private S. Harris, che di anni ne aveva 19, e ad altri 1634 ragazzi e uomini venuti dalla Gran Bretagna, dalla Nuova Zelanda, dal Canada, dall’India e da Dio sa quale altro esotico paese. Tutti qui, sulle colline di Fiesole e del fiorentino, i più giovani a lasciare madri, padri, fratelli e sorelle, i più anziani – se così si possono definire uomini di trentadue anni – anche mogli e spesso figli.
    Molti anni dopo, un uomo si sarebbe fermato a bere un caffè al circolo ARCI di Girone, e poi si sarebbe incamminato verso quella distesa di lapidi bianche; l’uomo si sarebbe fermato a leggere il registro dei visitatori del cimitero, dove avrebbe trovato le parole di persone venute dall’altro capo del mondo (To our only and dear uncle for whom war never offered the chance to meet. May you rest in peace. Keith, Ross & Bruce, Auckland,NZ ) e quelle, vergate con grafia incerta e grammatica zoppicante, di uomini che avevano fatto solo pochi chilometri per mormorare un Eterno Riposo (Grazie a voi x libertà con la vosta vita); l’uomo sarebbe poi passato davanti alle lapidi, ognuna con il nome, il grado, il corpo, la data di morte e una frase di ricordo (When you go home tell them of us and say: for your tomorrow we gave our to-day), e sarebbe andato a guardare l’Arno scorrere lento e sporco qualche decina di metri più in basso; l’uomo avrebbe notato degli incongrui gherigli di noce sull’altare sul quale è incisa la frase Their name liveth for evermore, e sarebbe poi uscito a testa bassa per riprendere la sua macchina e andare a parlare di affari.
    [Florence War Cemetery, 22 gennaio 2008]