< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2008
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/01/2008

    Greetings from Madrid ‘08 – 5. Ssshhh

    Filed under: — JE6 @ 13:05

    Linea 10 della metropolitana, quella che da Nuevos Ministerios porta alla fiera prima e all’aeroporto poi. Stracolma di viaggiatori, ma soprattutto di espositori e visitatori della fiera – oggi ce n’è una grossa di turismo.
    Vedo che c’è segnale telefonico, così mi guardo in giro e mi rendo conto – senza alcuna sorpresa – che parlano quasi tutti, ma tra di loro: e il telefono lo sta usando una sola persona, vicina a me, a voce bassa e con la mano a coprire bocca e telefono.

    2 Responses to “Greetings from Madrid ‘08 – 5. Ssshhh”

    1. evylyn Says:

      Ho letto con una punta di angoscia la notizia che si vuole adeguare l’impianto tecnologico delle metro in modo tale da consentire di parlare al cellulare. Mi rendo conto di essere un pò drastica, ma la metro è l’unico posto pubblico dove non si sentono trilli e melodie a volume inaudito, con conversazioni private in conferenza pubblica.

    2. Amauroto Says:

      Ma non si vergognano a parlare tra di loro? Meno male che uno normale c’è…

    Leave a Reply