< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • February 2008
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    2526272829  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/02/2008

    Cattivi presagi

    Filed under: — JE6 @ 18:19

    Per la prima volta in molti anni, il fast check-in di Alitalia mi ha riconosciuto e mi ha stampato la carta d’imbarco.

    L’erba del vicino

    Filed under: — JE6 @ 08:09

    Da queste parti non si sono mai nascosti l’amore per l’estero, per ciò che sta oltre confine, e l’invidiosa ammirazione per risultati concreti e atteggiamenti personali che si toccano con mano incontrando americani e tedeschi, spagnoli e sloveni, lettoni e portoghesi.
    Questa ammirazione è, appunto, invidiosa: perchè si nutre della spiacevole sensazione di spreco che prende allo stomaco nel vivere quotidianamente in questo paese: spreco di noi stessi, delle nostre capacità. della nostra intelligenza, delle nostre risorse. E’ una sensazione che porta a dire, per contrappasso, che l’erba del vicino è certamente più verde: e a dirlo con ancora maggiore convinzione; ma anche con minore lucidità.
    Perchè lo sappiamo che ognuno ha i suoi guai. Sarkozy si arrende ai tassisti nè più nè meno come Bersani e Veltroni; i belgi ci impiegano sei mesi – sei – per fare un governo; i laburisti inglesi convivono con lo scandalo dei peerages venduti agli amici e agli amici degli amici – una cosa di fronte alla quale l’occupazione militare della sanità campana fatta dai mastelliani è un giochetto da educande. E potremmo andare avanti di questo passo, a lungo, se avessimo tempo e voglia.
    Io provo sempre un imbarazzo fortissimo nel dover parlare della politica italiana quando sono all’estero: mi vergogno, sinceramente. Ma vedo che anche gli altri hanno il mio stesso atteggiamento, con pochissime eccezioni – quelle, appunto, che confermano la regola. Sarà che è facile parlare male dei politici e della politica, non so. Ma è così, credetemi. Ed è pensando a questo imbarazzo, a questo fastidio, a questa repulsione che a me pare di avvertire a quasi ogni latitudine che sento un fastidio crescente per il modo – come si dice: provinciale? ecco – in cui moltissimi seguono eventi anche importanti come le primarie americane. Per Barack Obama c’è più entusiasmo a Milano che a Chicago, e si arriva a sostenere una sciocchezza imbarazzante come quella secondo la quale la politica americana è meno dipendente dalla televisione di quanto non sia quella italiana solo perchè non ne possiamo più di Vespa e Mentana e Floris (e praticamente chiunque altro). Cerchiamo in casa altrui ciò che crediamo di non avere e non poter avere in casa nostra: senza sapere o, peggio, senza voler vedere che gli altri fanno lo stesso. E facendo la figura degli adolescenti capricciosi: che forse è proprio quello che siamo.