< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • March 2008
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/03/2008

    Cuore di pietra

    Filed under: — JE6 @ 15:51

    Questo blog non sentirà la mancanza di Clemente Mastella (e perchè non lo si accusi di cattiveria assoluta augura al Mastella stesso di trovarsi presto in folta compagnia).
    [Ad esempio, Oliviero Diliberto, che il titolare qui ringrazia sentitamente: adesso lui e Mastella possono farsi una partita a briscola, se ne trovano altri due del loro rango uno scopone scientifico se lo sono proprio meritati]

    Dal profondo del nero del mare

    Filed under: — JE6 @ 07:53

    Arrivò a fatica sul ponte della nave, tenendosi ai corrimani e maledicendo gli scalini che si abbassavano sotto ai suoi piedi seguendo il moto delle onde. Pensò che avrebbe dovuto bere un caffè, ma si ricordò che nel pieno della notte i bar di bordo erano chiusi. Sarebbe forse stato il momento di accendersi la prima sigaretta della sua vita, se ne avesse avuta una e se il gesto non gli fosse sembrato troppo melodrammatico. Fece finta di credere che l’acqua che gli scorreva sul volto fosse portata dai cavalloni che sbattevano contro le fiancate. Si chiese se la donna che aveva lasciato in cabina avrebbe sentito la sua mancanza, nel caso che lui non fosse rientrato; ma sapeva che era alquanto improbabile tanto lui era diventato trasparente davanti ai suoi occhi. Fissò per molti minuti tutto ciò che là fuori riusciva solo a sentire ma non a vedere, affascinato dal profondo del nero del mare; poi smise di fare anche quello, perchè per buttarsi non basta avere abbastanza coraggio: bisogna anche avere voglia, e lui era solo tanto stanco.

    [Disclaimer: a scanso di equivoci, non c’è proprio nulla di autobiografico qui dentro, se non il lontanissimo ricordo di un viaggio in nave verso la Sardegna, fatto con mia mamma non meno di venticinque anni fa. E’ che dovrei smetterla di ascoltare De Gregori, ma di questo si è già parlato ieri]