< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • March 2008
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/03/2008

    Dialoghi

    Filed under: — JE6 @ 09:32

    Io non credo che dialogare con Hamas sia sbagliato e immorale in sè; anzi. Ma tra “non dimentichiamoci mai che Hamas vinse le elezioni” e “si negozia con i nemici, perché con gli amici non c’é bisogno di negoziare” consiglierei al nostro Ministro degli Esteri di puntare sulla seconda motivazione, chè la prima è purtroppo una sciocchezza.
    Ansa

    Un po’ come la cocaina, però a gratis – parte seconda

    Filed under: — JE6 @ 08:47

    Ma se vostro figlio parlasse a vanvera come uno di questi geni che rilasciano almeno un’intervista al giorno per almeno trecentotrenta giorni all’anno, uno di questi scafati adulti che alle undici di sera dichiarano a tutto il mondo “mi dimetto” e alle nove della mattina dopo dicono “ma no, è stato lo sfogo dettato dalla delusione”: ecco, se vostro figlio si comportasse così non avreste almeno la fortissima tentazione di prenderlo a sberle prima, e costringerlo a fare davvero quello che aveva minacciato di fare poi?
    Corriere.it