< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • March 2008
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/03/2008

    Tu che sei diverso

    Filed under: — JE6 @ 16:04

    Qualche giorno fa un antico lettore di questo blog, uno il cui parere mi interessa sempre, mi ha scritto facendomi notare – credo non senza qualche ragione, che sto prendendo una deriva alla (testuale) “come-siete-pirla-e-gregge-io-non-mi-faccio-fregare”.
    Penso che il mio lettore abbia un po’ ragione, il che mi dispiace per almeno due motivi; il primo, piuttosto banale, è che le critiche possono essere utili, ma non le si accoglie con il sorriso sulle labbra. E fin qui, niente di che. Il secondo, invece, per me conta un po’ di più. Il fatto è che io mi sento parte del gregge, se non altro perchè so che è inevitabile esserlo – ed esserlo non è nemmeno così male. Credo di aver già scritto da queste parti che il culto dell’individuo e la celebrazione della sua unicità sulla quale si fondano gran parte del nostro mondo mi paiono una sciocchezza ed un inganno. Per quel che credo di conoscere il mondo, sono davvero pochissime le persone che si distinguono: tutti gli altri ci provano – poveri illusi – senza riuscirci. Ecco, a me dà proprio fastidio l’idea di essere (mostrandolo) uno di questi che si credono speciali e superiori (per intelligenza, cultura, etica): non lo sono, anche se lo vorrei essere. Sarà bene che me ne ricordi.