< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • March 2008
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/03/2008

    La morte ti fa bello

    Filed under: — JE6 @ 13:26

    Sarà meglio che mi riaggiorni per capire se siamo di fronte a un superficiale revisionismo, ad una rilettura autocritica o a un più banale paraculismo pre-elettorale; sta di fatto che D’Alema dice che il PD eredita la parte migliore del pensiero politico di Aldo Moro, il quale viene definito da Marco Boato “un gigante”. Il che magari è vero, intendiamoci: ma non mi pare che trent’anni fa questa opinione fosse così diffusa.

    5 Responses to “La morte ti fa bello”

    1. farfintadiesseresani Says:

      Se vuoi, la prima volta che ci vediamo ti spiego perché, trent’anni fa, l’opinione che tu citi fu diffusissima, e fu la condanna a morte di Moro.

    2. Squonk Says:

      Ah, ma lo si può anche spiegare pubblicamente qui, eh. O da lei, come preferisce.

    3. chamberlain Says:

      Il tempo serve anche a far capire dove e perché si è sbagliato.

    4. b.georg Says:

      una precisazione: dici che non era diffusa nel pci o a sinistra del pci? (di sicuro da dove arriva Boato era assai diffusa l’opinione opposta, ma attribuirla al pci sarebbe un errore di memoria storica)

      una nota curiosa: ffdes, sai certamente che il cantante da cui trai la testata del blog definì Moro “politico qualunque”, “responsabile di 20 anni di cancrena italiana” e “faccia di”.

      http://www.math.unipd.it/~baldan/IoSeFossiDio.html

    5. farfintadiesseresani Says:

      b.georg: sì, sapevo. Ma quel che volevo dire è che molti – pur pensandone ogni male – durante il sequestro giocarono, forse per calcolo, forse per automatismo, forse per non sapere che altro dire, il gioco del “grande statista” moralmente non ritrovabile nelle lettere – al contrario lucidissime – che Moro scriveva dal carcere.

    Leave a Reply