< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • March 2008
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/03/2008

    Inizio io: hanno perso

    Filed under: — JE6 @ 15:19

    “La politica sa essere implacabile. Perde probabilmente la candidata più preparata e quella che su alcune questioni nodali – riforma sanitaria su tutte – ha assunto posizioni più coraggiose e progressiste. Ma il voto è stato un altro e avremo tempo di rifletterci sopra assieme. Game Over, then. Prima i clintonistas lo riconoscono, meglio è per tutti. Anche per noi europei.”
    Disclaimer: il titolo non permette l’arruolamento del titolare qui tra le fila degli obamiani italici; così, per la precisione.
    Mario Del Pero

    Si tira un respiro e si passa avanti

    Filed under: — JE6 @ 08:32

    I casi della vita, dice: e così, nel giorno in cui scrivo “io ogni tanto penso alla mia prima elementare ed ai miei compagni, e penso anche che mi farebbe piacere rivederli tutti”, uno di quei compagni – uno dei più cari in assoluto: Herr Effe – chiude definitivamente. Dirò solo che mi dispiace, per motivi che hanno a che fare con la ragione (un po’) e con gli affetti (forse di più). Oggi i miei ricordi sono legati alla persona, più che al blog e alle storie che vi sono state raccontate: un lontano pomeriggio nella periferia torinese, ad esempio, chiusosi in una sala biliardo. Poi, insomma, si tira un respiro e si passa avanti, come si deve fare: good night, and good luck.
    Herzog, Squonk (quello vecchio)

    Progresso

    Filed under: — JE6 @ 08:20

    Mi sono sempre chiesto se la cosiddetta Pubblicità Progresso avesse mai ottenuto qualche risultato tangibile, paragonabile a quelli che la pubblicità commerciali si prefigge di raggiungere. Sono passati 40 anni dalla prima campagna, e francamente ho qualche dubbio.
    Corriere.it