< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • Qualche cosa che ho imparato scrivendo un libr(ett)o
  • Chernobyl, una mattina d’estate
  • L’ospite
  • Come
  • April 2008
    M T W T F S S
    « Mar   May »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/04/2008

    Saluti da Roma ’08 (2) – Dalla sua pace

    Filed under: — JE6 @ 23:23

    Di quest’ultimo paio di giorni trascorsi a Roma mi rimane fissa un’immagine. Ero in stazione, che aspettavo un collega in arrivo da Milano. Tutto intorno c’era il solito caos di una grande stazione ferroviaria, passeggeri, poliziotti, senzatetto, annunci. Mi è cascato lo sguardo su alcuni fogli di carta dimenticati sopra una seduta di marmo (che poi, sarà certo un materiale meno nobile – ma facciamo finta che): erano appoggiati a faccia in giù, tre fogli, e sul retro del primo c’erano alcune righe scritte a mano: Dalla sua pace – Don Giovanni – W. A. Mozart. Erano degli spartiti, e per un attimo – uno solo – passeggeri, poliziotti, senzatetto e annunci si sono fermati e zittiti, mentre cercavo di immaginare chi era colui o colei che aveva dimenticato quei fogli al binario 1 di Roma Termini. Sempre in quell’attimo ho addirittura fantasticato che quei fogli non fossero stati scordati, ma lasciati lì apposta, come un incongruo segno del bello. Poi è arrivato l’Eurostar partito cinque ore prima da Milano Centrale, e avevamo un appuntamento di lavoro di lì a dieci minuti, e adesso quegli spartiti saranno carta straccia.