< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • May 2008
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/05/2008

    Tre gradi di desolazione (per tacer degli altri)

    Filed under: — JE6 @ 14:46

    La faccenda della pubblicazione delle dichiarazioni dei redditi online è sinceramente disperante per molti motivi, tra i quali non includo l’illegalità – come mi pare che spieghino bene sia l’Agenzia delle Entrate sia uno dei membri della Commissione Centrale Tributaria.
    Mi pare desolante, pur riconoscendo la forza e l’importanza del cosiddetto controllo sociale, che il Fisco punti a rendere ciascuno di noi controllore dei suoi vicini di casa: come dice l’Agenzia delle Entrate stessa, “la ratio della norma è quella di favorire una forma di controllo diffuso da parte dei cittadini rispetto all’adempimento degli obblighi tributari”. Cosa si vuol fare, stimolare la delazione in base a dati vecchi e incompleti? Per quanto ognuno di noi può sapere dell’altro, lo stile di vita ha legami a volte piuttosto tenui con il reddito dichiarato, e il tutto senza alcuna violazione della legge.
    E’ altrettanto desolante il voyeurismo da pianerottolo che queste liste hanno scatenato. E non parlo dei “poveri” che puntano il dito contro i “ricchi”: chè anzi, in quel caso entrano in gioco ammirazione e partigianeria, quello che è giusto che Del Piero guadagni più di Totti e quelli che Totti è giusto che guadagni più di Del Piero e tutti che si accalorano come se stessero parlando del proprio, di stipendio. No, parlo di quello tra parenti-serpenti, tra condomini, tra amici non proprio fraterni: l’invidia del 730 al posto in aggiunta all’invidia del pene.
    E’ ulteriormente desolante l’ignoranza abissale con la quale vengono trattate le cifre pubblicate; qualcuno crede che Silvio Berlusconi non sia l’uomo più ricco d’Italia? Eppure, se non ricordo male qualche mese fa ho letto che il futuro PresDelCons viene battuto da Leonardo Del Vecchio, il maggiore azionista di Luxottica. A dimostrazione che essere molto ricchi serve anche a dimostrare di non esserlo così tanto: basta essere in grado di pagare uno o due buoni fiscalisti, saper approfittare delle opportunità offerte dalla legge, e voilà. E nel nostro piccolissimo di (ex) appartenenti al ceto medio, i file che girano su eMule mica dicono delle macchine aziendali, dei cellulari utilizzabili full-time, delle case comprate con i soldi dei genitori e così via.
    Mi fermo qui, ma purtroppo l’elenco potrebbe continuare a lungo (vogliamo parlare di quelli che chiamano il loro giornale “Libero Mercato” e poi pubblicano le liste dei veri o presunti ricconi, ottenendo uno splendido effetto di puntamento-del-dito veramente liberista; e della finta ingenuità di Prodi e Visco, vogliamo parlarne? E dell’approssimazione tecnica con la quale i dati sono stati resi fruibili? Ecco). Non so, a me pare tutto estremamente, terribilmente italiano. Business as usual, insomma.
    Repubblica.it, Wittgenstein, Il Sole 24 Ore

    Scheletri nell’armadio

    Filed under: — JE6 @ 11:15

    Un paio di giorni fa, la persona corta mi ha chiamato per informarmi che il Big Brain di Nintendo l’aveva classificata “cervello da artista”. Non ho avuto cuore di ammettere che un mesetto fa ho smesso di scroccarle l’infernale aggeggio, dopo essere stato rubricato come “cervello da politico”.