< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • May 2008
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/05/2008

    [Purtroppo la protagonista canta]

    Filed under: — JE6 @ 11:35

    Per quel che ritenete possa valere un mio consiglio in materia televisiva (per dire: non ho mai visto Lost, non ho mai visto Desperate Housewives, Californication mi ha annoiato a morte, ho una fissa indecorosa per CSI Vegas, I Soprano, NYPD e – ah, i ricordi – Hill Street giorno e notte), sappiate che secondo me passare una novantina di minuti sul divano a guardare Quo Vadis Baby – la serie non è una perdita di tempo.

    A mani vuote

    Filed under: — JE6 @ 08:11

    A me pare che ci sia un sottile filo rosso che lega questo post di Mantellini e questo post della Tengi, dei quali sottoscrivo i contenuti e in particolare due frasi:

    La qualita’ dei commenti di un blog segue secondo me un diagramma a campana. C’e’ un giusto mezzo prima del quale ed oltre il quale il rapporto segnale/rumore tende inevitabilmente a peggiorare. E quello che e’ peggio lo scadimento dei commenti ha un effetto dirompente nei confronti dei commentatori migliori che – giustamente – non sono disposti a partecipare ad un ambiente caotico, nervoso e volgare.

    E chissenefrega degli accessi, delle numero di visite (che quando sono troppe, è tutta gente che si presenta a mani vuote, tanto per leggere qualcosa mentre si scaccola e al termine tirare un rutto), chissenefrega dei visitatori (“ma sono unici? se non sono unici non conta, cazzo!”).

    Poi, il titolare qui si ritiene fortunato: tranne due o tre casi non ha mai avuto quantità strabilianti di accessi e visitatori, e per quanto lo riguarda quantità e qualità dei commenti (e quindi dei commentatori) gli sembrano del tutto soddisfacenti: poi, si sa, tutto è relativo. Ma questa è un’altra storia.
    Mantellini, Pezzidufficio