< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Vero?”
  • Madeleine
  • Scommesse, vent’anni dopo
  • “State andando in un bel posto, credimi”
  • Like father like son
  • A ricevimento fattura
  • Gentilezza
  • Il giusto, il nobile, l’utile
  • Mi chiedevo
  • Sapone
  • May 2008
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign

     

    18/05/2008

    Greetings from Portoroz – 1. Prezzi

    Filed under: — JE6 @ 18:03

    E’ la terza volta in sei mesi che vengo in Slovenia, e mi sono fatto persuaso che da queste parti il sole lo vedono – forse – solo nei cataloghi delle agenzie di viaggio. Ma, nonostante la pioggia torrenziale – e l’aggettivo non è usato a caso – per la terza volta in sei mesi rimango affascinato da questo paese, dalla sua natura, dalla sua estranea somiglianza con la cosiddetta Europa occidentale, che sta a due passi ma che per decenni è rimasta irragiungibile.
    Arrivo a Portoroz passando per Koper, la Capodistria che ho sentito nominare mille volte fin da quando, agli albori dei miei ricordi televisivi, sugli schermi di un piccolo televisore portatile posizionato nella cucina di casa passavano le nebulose immagini di Telecapodistria – appunto. Guardo i cartelli stradali, tutti bilingue come se fossimo in provincia di Bolzano, entro in questo magnifico albergo a picco sul mare e tutti mi parlano in italiano – e penso a quanto siamo stupidi, alle guerre fatte per annettere territori e persone che hanno un’altra storia e un’altra anima, penso a quanto male ci siamo fatti e continuiamo a farci, per poi trovarci – trenta o cinquanta anni dopo – a tornare sui nostri passi perchè in fondo basta una carta di credito, paghi il conto e chissenefrega di dove sei nato e di dove vivi.

    3 Responses to “Greetings from Portoroz – 1. Prezzi”

    1. Marco Says:

      Sìsì, hai ragione. Siamo stupidi e per fortuna oggi sono saltati i confini. Purtuttavvia, potresti anche chiamarla Porto Rose, e se è vero che sono stati “italianizzati” decine di migliaia di sloveni e altoatesini, dall’altra parte sono stati costretti all’esodo dai 350 ai 400 mila italiani, tralasciando quelli scaraventati nelle foibe.

    2. caporale Says:

      guardi che Portorose – anche se a uno di Milano l’esotico “Portoroz” può far filtro – è stata irraggiungibile più o meno come Lugano. dal nord est ci sono andati per anni signori ormai ultrasettantenni, che al ritorno lasciavano intendere di aver avuto esperienze molto peccaminose.

    3. gluca Says:

      eh si caro sir, da qui ci si va da anni e anni, anche se era piu’ squallido – in generale – di porto corsini, ora notevolmente rivalutato dal place placement della prima puntata di quo vadis baby 🙂

      ciao
      gluca

    Leave a Reply