< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • May 2008
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/05/2008

    Passati i mesi, la notizia finiva nell’oblio

    Filed under: — JE6 @ 13:13

    Fabrizio è un amico, ed è una persona della quale mi fido. Ha scritto questo lungo post sulla Birmania, che vi consiglio di leggere. Vi ripeto, io di Fabrizio mi fido.
    Gilgamesh

    Get It Hot

    Filed under: — JE6 @ 08:33

    E’ un periodo qui che ci si sente un po’ a pezzi: pezzi di viaggio e pezzi di ufficio, pezzi di libri e pezzi di assunzioni, pezzi di pioggia e pezzi di presentazioni, cose così. Uno di quei periodi nei quali non basta il Supradyn, insomma. E allora, com’è e come non è, è un periodo nel quale lo stereo passa a palla cento watt buoni per cassa, è entrato un best degli AC/DC, quelli vecchi, quelli che si batte il quattro quarti sul volante fermi in coda in circonvallazione fino a trovarsi il segno sul palmo della mano, quelli che si canta It’s A Long Way To The Top (If You Wanna Rock ‘n Roll), è entrato e non esce più. Poi, si sa, la primavera passa; ma intanto va benissimo così.