< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • June 2008
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/06/2008

    Non ho parole

    Filed under: — JE6 @ 14:02

    Ieri sera abbiamo guardato, per l’ultima volta in questo anno scolastico, i tuoi quaderni.
    Chiudendo quello di italiano pensavo al fatto che stai scoprendo parole ogni giorni, e a quanto è e sarà difficile insegnarti a usarle bene. Perchè sai, io vorrei che tu conoscessi e sapessi adoperare un po’ più delle 500 parole che Pippo Baudo pensa costituiscano il nostro vocabolario. Vorrei che tu, quando questo paese avrà un Presidente del Consiglio donna e tu terrai una conferenza stampa, sappia capire che compiacere non è una parola da usare se si parla del rapporto tra due stati. Vorrei che tu, fra qualche anno, sia in grado di sapere cosa intende un ragazzo che ti dice che sei bella e cosa intende un ragazzo che ti dice che sei figa (e guarda, non te lo dirò mai a voce, ma io ti auguro ti trovarne uno che sappia dirti che per lui sei tanto bella quanto figa, e sia sincero). Vorrei che tu sapessi capire se quel ragazzo è dolce perchè è capace di darti una carezza o se quel ragazzo è sdolcinato perchè non si schioda mai da te e ti chiama “Cicci” – e vorrei che tu glielo sapessi dire, e farglielo capire (e ti scongiuro, non farti mai – dico mai – chiamare “Cicci”). Vorrei che tu sapessi definire furbo e intelligente due persone diverse, perchè è tanto raro trovarne una che si meriti entrambi gli aggettivi (e spero che tu sappia sempre preferire la seconda alla prima). Vorrei che tu diventassi il Fanciullino di Pascoli, quella capace di dire la parola che tutti hanno sulla punta della lingua ma nessuno riesce ad esprimere.
    Vorrei questo, per te, e molto altro ancora. E’ che non so come spiegartelo, perchè le speranze dei genitori troppo raramente coincidono con le loro capacità: e infatti, mi mancano le parole.