< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • June 2008
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/06/2008

    Smile

    Filed under: — JE6 @ 19:02

    Venne un pomeriggio nel quale, ricevuta una notizia inattesa, l’anziano uomo che aveva gran stima di sè si rese conto che per tutta la vita gli era venuto molto più facile provare una sincera compassione per le disgrazie altrui piuttosto che un’altrettanto sincera felicità per le gioie o i successi di coloro che conosceva, e dei quali addirittura si considerava amico.
    Fece il conto di quante persone godevano di questo dubbio onore, e poi lo rifece, sorpreso dalla sua esiguità. Le dita di una mano erano sufficienti, anzi abbondanti. La stima di se’ scese di un poco, ma la contentezza ripulita di ogni invidia o gelosia che quella notizia da poco appresa gli aveva dato era una buona compensazione. Lo trovarono così, qualche ora dopo che l’infarto lo ebbe schiantato, ai bordi della piscina, sdraiato a prendere il sole che i pensionati come lui bramavano per tutto l’anno, con una strana smorfia dipinta in faccia. Qualcosa che somigliava ad un sorriso, e chi lo conosceva infatti lo prese per un ghigno.