< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • June 2008
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/06/2008

    Tovarich’

    Filed under: — JE6 @ 17:06

    [Qui si chiede scusa ai lettori per la deriva intimistica di questi giorni – sarà il tempo (ma anche no)]
    Questo post era partito in tutt’altro modo. Poi alla fine ho pensato che il troppo stroppia; e infatti, io e questo mio amico ci siamo visti una volta sola, e ci sentiamo, via mail, forse cinque o sei volte all’anno. Ma la frequenza non conta, a dispetto di quel che tanti, troppi, pensano. E’ da diversi giorni che so di dover scrivere che io a Strelnik gli voglio bene, e sono contento di averlo come lettore e ancor di più, appunto, come amico. Questo è quanto, e credo che anche per lui questo sia perfino troppo.
    Strelnik

    Non so che farei

    Filed under: — JE6 @ 15:52

    Avete presente quando dite, o sentite dire, “non so cosa farei”. Non so, ad esempio “Non so cosa farei, senza di te”.
    Beh, la realtà è che lo sapete. Fareste senza. Come si diceva qualche giorno fa, “non esiste una ricetta per il successo, se non forse un’accettazione incondizionata della vita e di ciò che ci porta”. Uno se ne fa una ragione, punto e basta.
    Però è anche bello dire “non so cosa farei”: rende l’idea, in fondo.
    E in fondo è anche vero che “non sappiamo cosa faremmo”. Sappiamo che “faremmo”, in qualche modo “faremmo”, eppure nel momento preciso in cui diciamo quella frase, davvero non abbiamo l’idea di “come”. E alla fine il bello e il brutto sta tutto lì, nel trovare “come”.

    Grandi speranze

    Filed under: — JE6 @ 09:13

    Sarà che invecchiando si ritorna bambini, per cui una sessantenne è sostanzialmente poco più che una adolescente se si disegna il grafico delle età come una sinusoide, e sarà che andando avanti (e quindi tornando indietro) nel tempo si recupera il concetto del personale che diventa politico e quindi pubblico, e sarà che se una campionessa di nuoto ci mette a parte della sua vita sentimental-sessuale non si vede perchè non possa fare altrettanto una ex-ministra, comunque oggi sappiamo che Emma Bonino è innamorata: e noi, felici ed edificati, iniziamo la nostra giornata nel segno di “c’è una speranza per tutti”.