< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • January 2009
    M T W T F S S
    « Dec   Feb »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/01/2009

    Pagina 2

    Filed under: — JE6 @ 18:40

    Non so se ci hai mai pensato, posto che tu sia la persona giusta per questa domanda, posto che mi interessi saperlo. Comunque, hai mai contato quante righe ti mostra il display? Una decina, forse, tra sms e mail. E’ solo questione di tempo, più lungo in questi giorni lenti, più breve quando la ruota riprende a girare alla sua velocità consueta, ma quello che era l’ultimo messaggio ricevuto o inviato diventa il penultimo, e poi il terzultimo, e poi inesorabilmente scivola verso il fondo della pagina e da lì, altrettanto inevitabilmente, passa a quella dopo, e poi a quello dopo ancora. Nel frattempo, resti ad aspettare qualcosa che con il tempo hai imparato che non arriverà, perchè il primo passo è sempre tuo e non hai ancora capito perchè. Non dimentichi nulla, se non altro non dimentichi le cose importanti (che magari salvi, in un cassetto della memoria o in una cartella del palmare), ma davanti agli occhi ti scorre un fiume che non puoi e non vuoi fermare, e forse è vero che il tempo è una medicina.