< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • January 2009
    M T W T F S S
    « Dec   Feb »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/01/2009

    (S)Brico

    Filed under: — JE6 @ 16:25

    Li guardo sempre con invidia, come mi capita di fare con quelli che in pieno luglio viaggiano nella metropolitana di Milano, il nodo della cravatta ben stretto, la camicia stirata e la fronte asciutta anche dopo un’intera, lunga giornata di lavoro. Osservo le loro mani muoversi sicure, propaggini di veri esemplari di homo faber, capaci di impugnare strumenti e utensili e – soprattutto – consapevoli delle loro azioni, avviti A, stringi B, incastri C, e il risultato finale è inevitabilmente quello previsto e richiesto, una libreria dritta e solida, le catene per la neve strette e sicure, la parete tinteggiata senza sbavature. Sono quelli che sanno montare una tenda, accendere un fuoco, smontare e rimontare un sifone senza trovarsi attoniti a guardare una rondella raminga, riconoscere un sentiero nel bosco – sono quelli che sanno fare. Mentre li osservo, penso che io sono la dimostrazione vivente che Carletto Darwin ci aveva azzeccato con la storia della selezione naturale ma non aveva tenuto conto sia dell’infinita capacità di adattamento al ribasso degli esseri viventi, sia del denaro che ti può comprare le capacità che tu non hai – basta pagare e qualcuno che usa il cacciavite al tuo posto lo trovi sempre, dev’essere per quello che la qualità della razza umana si è tanto abbassata.