< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • March 2009
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/03/2009

    I like to be here when I can

    Filed under: — JE6 @ 11:30

    E’ da un paio di giorni che sto lavorando a casa. Continuo a svegliarmi prima dei panettieri, e la giornata ha sostanzialmente gli stessi orari di quella che trascorro in ufficio. Però la passo nel silenzio, interrotto ogni tanto da qualche telefonata, dall’abbaiare di un cane (l’altroieri), dal rumore del vento (ieri), dal suono dell’acqua che scorre nelle tubature del sesto piano come se fosse il sangue del palazzo. Mi ordino una pizza, mi bevo una birra, ogni tanto mi prendo cinque minuti e mi preparo la moka, vado a bermi il caffè sul balcone, guardo la vecchia fornace di mattoni e in lontananza le Alpi innevate. Mi chiedo se potrei fare questa vita ad libitum, e mi rispondo che no, probabilmente no. Ma due o tre giorni ogni tanto, due o tre giorni di distacco controllato dalle corse e dalla gente, ecco, me li dovrei imporre più spesso.