< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • May 2009
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/05/2009

    Greetings from Ljubljana ’09 – Tivoli

    Filed under: — JE6 @ 23:11

    Esco dall’albergo e mi incammino lungo Celovska Cesta, andando verso il centro della città; guardo l’ingresso alla zona di Bezigrad, dove pare di entrare in un paesino degli anni Cinquanta, con le case basse e le vie strette e inspiegabilmente vuote, continuo verso Slovenska Cesta e poi decido di entrare nel parco – che poi un giorno cercherò una spiegazione al perchè i parchi di mezza Europa si chiamano Tivoli – perchè è la terza volta che vengo a Ljubljana e non ci ho mai messo piede. Sfido l’allergia, lo attraverso guardando l’erba da poco tagliata, un’erba stranamente poco verde, la collina di Sisenski hrib e quella di Tivolski vrh, la gente che si stende a prendere il sole, una ragazza di una bellezza quasi impressionante per il contrasto degli occhi verdi con i capelli castano-ramati che spinge un passeggino con a bordo due gemelli biondi e silenziosi, un gruppo di joggers e uno di gente che occupa uno spiazzo di cemento per fare stretching e tra loro spicca la macchia di una ragazza dalla pelle nera che più nera non la si può immaginare – e in quel momento realizzo che è la prima persona di colore che vedo in Slovenia nei sette o otto giorni che complessivamente ho trascorso nel paese. E’ un parco strano, Tivoli; o forse sono strano io, non so, perchè le cose non sono come sono, ma sono come le vedi.

    Leave a Reply