< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • June 2009
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/06/2009

    Saggezze

    Filed under: — JE6 @ 13:17

    E’ il periodo dei saggi. Il saggio di danza, il saggio di pianoforte, il saggio di questo e il saggio di quell’altro. Spesso non si capisce chi si diverte di più, chi ci mette di più del suo, se i genitori e in generale i parenti stretti oppure i bambini. Ogni tanto capita di vedere qualcuno bravo, qualcuno che sa far correre le dita sulla tastiera senza impacci e pause e stonature, qualcuno che sa fare il volteggio atterrando sicuro e senza esitazioni. E però, anche se c’è un applauso per tutti, anche se le digitali e le videocamere non smettono nemmeno per un attimo di immortalare gesta che non verranno più riviste se non in casi eccezionali, è rarissimo vedere negli occhi di questi ragazzini qualcosa che assomigli alla passione, al gusto profondo di fare la cosa per la soddisfazione e non per quella di mamma e papà e nonni. Poi, lo so: tutto serve, anche Benedetti Michelangeli avrà subito millemila ore di solfeggio, di la-sol-la, anche Chechi avrà bestemmiato ogni dio possibile alla centesima spaccata, e alla fine ci si educa anche così, anche così ci si educa alla disciplina e persino alla bellezza – e spero che sia questo il motivo per cui ci imbarchiamo in tutto ciò.