< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • July 2009
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    13/07/2009

    Lombrosiana

    Filed under: — JE6 @ 21:20

    Come dire, ci son delle foto dei profili di Facebook che ti spiegano tante, tante cose – o che ti confermano quello che pensavi da anni.
    [O della prevalenza del cretino, in altre parole]

    Tiene famiglia

    Filed under: — JE6 @ 17:41

    A me fa un po’ tristezza vedere che uno dei più famosi calciatori del mondo, dall’alto dei suoi titoli e del suo stipendio, non sia capace di indirizzare un sereno “vaffanculo” al padrone delle ferriere che gli impone di fare i giuramenti da boy scout per farli andare in prima pagina della Gazzetta.
    [E non si può nemmeno trincerare dietro la scusa della scarsa conoscenza della lingua, le parolacce sono le prime che si imparano]