< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • July 2009
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/07/2009

    Reagan, Schwarzy, Englaro

    Filed under: — JE6 @ 11:40

    Questa mattina, leggendo che Beppino Englaro verrà candidato alla segreteria regionale del PD in quota Marino, mi sono chiesto sulla base di quali requisiti è stata fatta questa scelta. Ho fatto una breve ricerca per trovare un qualche curriculum politico di Englaro, ma con scarsi risultati. Poi ho pensato a Ronald Reagan e Arnold Schwarzenegger, e ho smesso di cercare.
    Repubblica.it

    One Response to “Reagan, Schwarzy, Englaro”

    1. Camillo Says:

      Non l’ho capita. O forse si, ma non la capisco lo stesso. Se si accetta il gioco delle “quote”, delle “segreterie”, delle “candidature”… allora toccherà pure che qualcuno si “candidi”, no? Ed allora perché non Englaro? O non Marino? Con la schiera di “vedove” ed “orfane” (sia detto – davvero – senza scherno, con il massimo rispetto) che ci sono nel Parlamento… si potrebbe disquisire sul metro di valutazione delle candidature…, non solo quale sia quello che ha portato ad individuare Englaro, ma – tutto sommato – il risultato non è malaccio.

    Leave a Reply