< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • July 2009
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/07/2009

    Radicati nel territorio

    Filed under: — JE6 @ 09:58

    Beppino Englaro passa, in soli otto giorni, dall’essere candidato alla guida del PD lombardo all’essere candidato alla guida del PD friulano. Se gli trovano uno zio di Norcia, capace che la prossima settimana si candiderà alla guida del PD umbro.

    6 Responses to “Radicati nel territorio”

    1. Alister Says:

      sono di sinistra, quindi non sono un elettore del PD 🙂 e guardo a queste faccende dall’esterno, con semplice curiosità (la mia speranza è che il PD si disgreghi che vogliamo dirla tutta).

      Ma visto che vivo a Udine, vorrei dirti – da semplice testimone – che i legami di Beppino con il Friuli sono molto profondi, e questa scelta la trovo più logica rispetto a quella originaria. L’ironia ovviamente è sempre apprezzabile, quindi non condanno certo la tua. Però se Englaro riuscisse a fare le scarpe alla prima della classe (anche se non ci credo), non sarebbe male… 😉

    2. Sir Squonk Says:

      Io non ho dubbi che Englaro abbia legami con il Friuli, anzi. Però mettiamoci d’accordo sulla questione del radicamento nel territorio: dov’è radicato Englaro? Dove ha fatto attività politica? Che gli sia stata assegnata destinazione due volte in una settimana fa sospettare un po’ sulla concretezza di questo radicamento, che è – per inciso – uno degli argomenti dei quali tanto si riempiono la bocca i suoi sponsor politici. Tutto qui.

    3. scrittoingrassetto Says:

      Il famoso potere territoriale della laicità statale

    4. Carlo M Says:

      alister, visto che sei di sinistra, per chi voti? così, per curiosità.

    5. Alister Says:

      Per Carlo M: alle ultime elezioni ho votato Sinistra e libertà sperando che fosse qualcosa di più di un’accozzaglia elettorale. I fatti per ora mi stanno dando torto, e sono il primo ad ammetterlo. A questo punto c’è solo da sperare nel rimescolamento di carte che avverrà quando Berlusconi finirà (per qualsiasi ragione).

      D’altra parte, dimmi tu se quindici (quindici!) deputati di un partito anche vagamente di sinistra possono scrivere una lettera del genere:

      http://www.asca.it/news-PD__QUINDICI_DEPUTATI_SCRIVONO_A__L_UNITA____QUEL_FUMETTO_METTE_DISAGIO-849595-ORA-.html

    6. Alister Says:

      Per Sir Squonk: capisco le tue perplessità. E non sapendo “cosa c’è sotto”, mi astengo dal fare ulteriori commenti. Ti dico solo che, oltre a conoscere bene il territorio, alla fine della triste storia della figlia, Beppino nelle interviste ai giornali locali non escludeva la possibilità di trasferirsi di nuovo qui, perlomeno per lunghi periodi. Quindi, nell’improbabile caso di una sua elezione a segretario PD del FVG, non sarebbe comunque un uomo catapultato dall’esterno, qualsiasi siano state le ragioni dello spostamento della candidatura. Tutto qui.

    Leave a Reply