< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • L’Italia fuori dalla mischia
  • Oval Office
  • Tennis, tv, trigonometria, scissione
  • Vincere le battaglie e perdere le guerre
  • Il potere di una virgola
  • Partiti
  • Che libri legge Donald Trump?
  • Come diventare buoni
  • Primo quadrimestre
  • Ufficio reclami
  • August 2009
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/08/2009

    Come se fossimo nel Mulino Bianco

    Filed under: — JE6 @ 12:23

    Non pensavo che mi sarebbe capitato di trovarmi d’accordo con Gianfranco Rotondi, quello che dice “Servirebbe un Pdl che dicesse siamo cristiani, ma alla maniera del Ppe, distinti e distanti dalle gerarchie“, ma la vita è bella perché riserva ogni giorno una sorpresa.

    29/08/2009

    Avercene

    Filed under: — JE6 @ 19:12

    Conosco Gaspar da tanto tempo, sei anni non sono pochi né nella vita del Paese Reale né in quella sul web. E’ una delle pochissime persone che conosco capaci di ammettere un errore senza darti l’impressione che in realtà continuano a credere di essere nel giusto. Lo ha fatto anche poco fa, in una piccola discussione con il sottoscritto che trovate nei commenti a questo suo post, nella quale lui ha tante ragioni quante ne ho io. Ecco, a me fa piacere ringraziarlo per questo piccolo gesto, e sperare di essere un giorno capace di farlo anch’io con la stessa onestà.
    Gaspar Torriero

    What’s your name?

    Filed under: — JE6 @ 09:57

    Ciclicamente, chi bazzica su Internet e ci dedica un pensiero o due riprende la questione dell’anonimato in rete. Punti di vista e argomentazioni sono sempre le stesse, ma di tanto in tanto può essere utile rinfrescarle, per trovarsi magari nell’inedita condizione di cambiare idea a fronte di migliori esposizioni o di mutamenti delle proprie condizioni personali. Ieri sera si è involontariamente compilato una specie di Bignami della materia; chi volesse consultarlo, lo trova qui.
    Luca Sofri’s FriendFeed

    28/08/2009

    Quelli che gli servirebbe una faccina

    Filed under: — JE6 @ 17:18

    Io capisco che, come dice la mia maestra, “essere accattivante non è il suo core business”. Però quelli che molti-nemici-molto-onore, quelli che sono sempre allegri ed espansivi come tranci di baccalà surgelati, quelli costantemente incarogniti e scontrosi, ecco, io non riesco nemmeno a capirli, nemmeno se mi sforzo.
    Repubblica.it

    27/08/2009

    In prigione! In prigione!

    Filed under: — JE6 @ 09:26

    Non ho nessuna simpatia per Gianni Guido; dubito che se ne possa provare, per lui e per persone come lui. Non ho nemmeno nessuna simpatia per Alessandro Sardelli detto Svastichella, per il quale vale lo stesso discorso fatto per Guido. In modo diverso, entrambi si trovano presi da quel meccanismo composto da politici in astinenza da dichiarazione, mass media, magistrati confusi e infine dalla famigerata “opinione pubblica”, che porta una persona a entrare, uscire o rimanere in carcere non in base alle norme – giuste o sbagliate, di sicuro perfettibili ma di sicuro più meditate di un articolo di giornale – contenute nel codice penale bensì all’aria che tira, alla voglia di sbarre che oggi può essere fortissima e domani inesistente. Non ho nessuna simpatia né per Guido né per Sardelli, dicevo, ma mi infastidisce molto che il loro rapporto con la giustizia sia legato alla volubilità delle emozioni e agli interessi di bottega; non mi stupisco che questo accada: in Italia le grazie vengono concesse chiedendo il permesso ai parenti delle vittime, figuriamoci le custodie cautelari. Ma questo è un modo perverso di “fare giustizia”, e un giorno dovrebbe rivoltarsi contro noi tutti, per farci imparare la lezione.

    25/08/2009

    Io dico che ce la possono fare

    Filed under: — JE6 @ 08:59

    Dice Lapo Elkann che lui entrerebbe in politica solo fondando un partito nuovo insieme a Jovanotti e Valentino Rossi. Viste la concorrenza e la propensione degli italiani a votare chiunque abbia avuto il suo quarto d’ora di celebrità, sappiamo già chi sarà il prossimo PresDelCons.
    Corriere.it

    24/08/2009

    Ho tutte le autorizzazioni

    Filed under: — JE6 @ 12:24

    Io non so se il signor Alberto Dubini è davvero in possesso di un’autorizzazione che gli permette di arrivare in spiaggia con un’auto anfibia: se così fosse, sarebbe il permesso di compiere un’azione stupida e dannosa. E in fondo, il punto mi pare questo: che né il signor Dubini né chi gli ha dato l’autorizzazione hanno avuto il dubbio che quella sia un’azione stupida e dannosa, arrogante, inutile e irrispettosa. “Sono autorizzato, posso farlo, dove sta il problema?”. Io mica mi stupisco che questo paese abbia prodotto Silvio Berlusconi, e nemmeno mi stupisco che continui a venerarlo, e non venitemi a dire che il PresDelCons è colui che ha inoculato il veleno: no, lui ne è immune come milioni di suoi compatrioti, tutto qui.
    Repubblica.it

    22/08/2009

    Ossimori

    Filed under: — JE6 @ 17:24

    Dice Vittorio Feltri che i suoi lettori devono “essere informati correttamente e confortati nelle loro opinioni”.

    21/08/2009

    Ci hanno presi per sfinimento

    Filed under: — JE6 @ 20:41

    Se sia un piano ben architettato e ancor meglio eseguito oppure una spaventosa reiterazione di congiunzioni astrali sfavorevoli, io questo non saprei dirlo. So che, a furia di proporla e riproporla con costanza e abnegazione, quasi qualunque vergognosa puttanata sia stata elaborata in questi anni (quelle che noi-sinceri-democratici una volta bolliamo come boutades ferragostane e la volta dopo come attentati allo stato di diritto – riuscendo ogni volta a sbagliare definizione, per poi rendercene conto ed affrontare così titubanti il successivo esercizio di indignazione) si è trasformata in realtà, in un fatto concreto e compiuto. Io non pensavo, per dire, che un giorno avrei visto all’opera le fantomatiche ronde di cui parlava (“farneticava”, dicevo io-sincero-democratico) Bossi. E insomma, invece eccole qui. E allora, quanto scommettiamo che fra un anno o due a Milano avremo i taxisti in livrea griffata, che faranno sfrecciare le loro Punto senza aria condizionata su strade degne della Dakar?
    Repubblica Milano

    19/08/2009

    Ho vinto, mi posso permettere tutto (anche le feste simpatiche)

    Filed under: — JE6 @ 20:54

    L’altro giorno si discuteva con degli amici sugli atteggiamenti di alcuni campioni dello sport, gente come Bolt, Rossi, Pantani. Ad un certo punto sono venute fuori due frasi che mi hanno fatto pensare:
    (Il buffone ha) fatto. due punti. nove e cinquantotto. secondi. fatto. il resto. due punti. cazzate.
    Però: buffone che fa 9.58 sui 100 = non buffone.

    Ecco, io questa cosa l’ho sentita dire da un altro, quello piccolino che fa le feste simpatiche, e di quel signore non ho una gran stima. Pensavo che quello fosse il motivo per cui ritenevo il concetto dell'”ho vinto, mi posso permettere tutto” una arrogante cazzata. Ora lo sento sostenere da persone che, invece, stimo assai: e però non ho cambiato idea.