< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • August 2009
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/08/2009

    Avercene

    Filed under: — JE6 @ 19:12

    Conosco Gaspar da tanto tempo, sei anni non sono pochi né nella vita del Paese Reale né in quella sul web. E’ una delle pochissime persone che conosco capaci di ammettere un errore senza darti l’impressione che in realtà continuano a credere di essere nel giusto. Lo ha fatto anche poco fa, in una piccola discussione con il sottoscritto che trovate nei commenti a questo suo post, nella quale lui ha tante ragioni quante ne ho io. Ecco, a me fa piacere ringraziarlo per questo piccolo gesto, e sperare di essere un giorno capace di farlo anch’io con la stessa onestà.
    Gaspar Torriero

    What’s your name?

    Filed under: — JE6 @ 09:57

    Ciclicamente, chi bazzica su Internet e ci dedica un pensiero o due riprende la questione dell’anonimato in rete. Punti di vista e argomentazioni sono sempre le stesse, ma di tanto in tanto può essere utile rinfrescarle, per trovarsi magari nell’inedita condizione di cambiare idea a fronte di migliori esposizioni o di mutamenti delle proprie condizioni personali. Ieri sera si è involontariamente compilato una specie di Bignami della materia; chi volesse consultarlo, lo trova qui.
    Luca Sofri’s FriendFeed