< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • September 2009
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/09/2009

    Gruesse aus Koeln – Il prima e il dopo

    Filed under: — JE6 @ 00:31

    Uscito dal Duomo imbocco la Hohe Strasse, la Main Street di Colonia. Una lunga teoria di luci e negozi, una specie di Corso Buenos Aires fatto di tutti i marchi di medio livello che compongono l’arredo urbano di quasi ogni città occidentale. Sono quasi le otto e mezza, e c’è ancora un sacco di gente in giro: saranno i venti gradi di questa coda di estate, sarà che alla gente di qui, come mi diceva il ragazzo berlinese sulla Schnellbahn che ci portava dall’aeroporto alla fiera, piace divertirsi; penso alle mie ultime visite in Germania, Norimberga, Wiesbaden, Friburgo, Augsburg e non ricordo una movida serale così intensa – la band dei Radical Dancers che suona i suoi tamburi davanti all’ingresso di C&A, la classe di liceali che sciama gridando. Mi fermo a mangiare, il tempo di imparare grazie a un’amica berlinese che qui la birra (la Koelsch) viene rigorosamente servita nello Stange, un bicchiere alto e stretto che tiene soltanto due decilitri, nulla a che vedere con i boccali enormi dell’Oktoberfest, ritorno in strada. E la trovo vuota, meno di un’ora dopo, e non so perché ma mi sento a mio agio, come se questa fosse la Germania che conosco, come se questa fosse davvero la Germania nella quale verrei a vivere anche domani.

    Leave a Reply