< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2009
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/10/2009

    Facciamo che è perché sono stanchi

    Filed under: — JE6 @ 10:26

    Verosimilmente presi da ebbrezza dovuta a stanchezza, Bersani e Franceschini dicono “bon, facciamola finita con il risultato delle primarie anche se nessuno dei tre arriva al 50%+1 dei voti” – e in questo Bersani mi risulta ancora più sorprendente in peggio, visto che finisce per sventolare bandiera bianca nella salvaguardia di quel primato degli iscritti che giustamente ha difeso per tutta la campagna elettorale. Marino prova a fare bella figura dicendo “Malandrini, non si cambiano le regole mentre si sta ancora giocando la partita”: peccato che una decina di giorni fa avesse proposto agli altri due un accordo per l’accettazione del risultato delle primarie a prescindere dai numeri – poi capisci perché si dice che la democrazia è sopravvalutata.
    Repubblica.it