< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2009
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/10/2009

    Greetings from San Diego – John Doe

    Filed under: — JE6 @ 06:38

    Sui marciapiedi della Fifth Avenue sciamano tutti, turisti, poliziotti, coppie attempate, visitatori di fiere, ragazze dalle grandi tette e dai vestiti cortissimi. Entrano da Croce’s ed escono da Fred’s, si fermano da Ghirardelli e ripartono da Sam Goody, tutti sorridenti, e belli, e in forma. John Doe è come se venisse fuori dall’ombra, allampanato e scuro, le scarpe larghe, i pantaloni stracciati, un soprabito oggi nero e ieri chissà che lo copre fino alle ginocchia. In faccia ha il ghigno di chi ha la testa da un’altra parte, e in tasca non ha nulla. Si ferma davanti a un costume di Halloween, uno dei mille che si trovano appesi alle porte di case e negozi, lo guarda, sorride, gli dà un buffetto, torna a muoversi, si perde ancora: non lo vedo più.