< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • A vent’anni si è stupidi davvero
  • Qualche cosa che ho imparato scrivendo un libr(ett)o
  • Chernobyl, una mattina d’estate
  • L’ospite
  • Come
  • November 2009
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/11/2009

    La penna rossa

    Filed under: — JE6 @ 13:24

    Come spesso capita, le cose della vita le capisci dopo. Vent’anni fa passavo i miei primi giorni nella caserma della Scuola Truppe Corazzate di Caserta, e cercavo semplicemente di sopravvivere alle adunate, alle marce, alla mensa, osservando attonito un ragazzo di Prato allo Stelvio che non sapeva parlare italiano mentre gli venivano tradotti i comandi dei caporali istruttori – lo stesso ragazzo di Prato allo Stelvio con il quale avrei trascorso gli undici mesi successivi in quel di Merano. Una mattina il comandante della caserma ci disse che era successa una cosa importante, che a Berlino era caduto il Muro, credo che aggiunse qualche parola sulla libertà ma non ne sono tanto sicuro. Ero lì, ma in qualche modo dormivo, un po’ come Ulrike nel suo letto di Berlino Est. A pensarci, ancora oggi sono più affascinato dai racconti in stile “La vita degli altri” che dalle immagini delle Trabant che entrano in colonna a Berlino Ovest. Forse perché quella della caduta del Muro è un’emozione che non ho vissuto, non so: ma per fortuna ogni tanto ti passa sotto gli occhi una piccola immagine, come quella di un diario che inizia a essere scritto in rosso, con le lettere grandi e sottolineate, e trovi un pezzetto di quel qualcosa che non hai avuto prima.
    Webgol

    One Response to “La penna rossa”

    1. acidosignore Says:

      D’accordo, la Trabant non vale l’Audi. Pero’, a quanto pare, la birra non era da buttare.

    Leave a Reply