< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/01/2010

    “Gesù, e voi?”

    Filed under: — JE6 @ 12:58

    Passo la notte di Capodanno con le stesse persone da venticinque anni, più o meno. Nel corso del tempo si sono aggiunti i figli, e oggi qualcuno di questi è abbastanza grande da non venire più alla festa perché – per sua fortuna – esce con i suoi amici. C’è stato un tempo nel quale ci vedevamo tutti i giorni; poi la frequenza è scesa, l’università, il lavoro, altre conoscenze, le famiglie, oggi magari ci vediamo – non tutti, non tutti insieme – una o due volte al mese. Ma qualcosa siamo riusciti a salvare, e in giorni come questi ci siamo tutti, quella trentina di persone con le loro cose nuove, le loro incrostazioni, i ricordi comuni e quei piccoli o grandi programmi – una casa da rogitare, un lavoro nuovo, un figlio inatteso – che diventeranno, per piccola o grande parte, di tutti.
    Ieri mancava una persona all’appello, e un brindisi è stato per lui – “torna presto, D.” – e c’era più di un occhio gonfio per il magone. Ma ci si tiene dritti, ci si tiene stretti perché è così che si fa. Stephen King scrive, a metà di “Stand by me”: “Non ho mai più avuto amici, in seguito, come quelli che avevo a dodici anni. Gesù, e voi?”. Ecco, io non lo so com’è per voi; io so che ieri sera certamente c’erano in giro feste più brillanti e piatti più raffinati: ma questi sono i miei amici, quelli che ogni tanto mi dimentico di avere, quelli che spesso trascuro, quelli che ogni anno – per fortuna – sono qui.