< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/01/2010

    Prendi nota

    Filed under: — JE6 @ 22:10

    Ho trovato questa frase su un libro che sto leggendo, mi dice, senti che roba, ed è davvero una gran frase, una di quelle che solo gli scrittori bravi sanno mettere giù, una di quelle che è bello ricordarsi, non tanto per fare bella figura in società ma proprio per se stessi. Allora mi rendo conto che io questa cosa – appuntarmi le cose dei libri, prenderne nota – non l’ho mai fatta se non quando studiavo, ma vai a capire perché è una cosa che non mi viene con la narrativa, anche se ogni tanto mi cade l’occhio su qualcosa che è bello per davvero e mi dico che dovrei copiarla su una Moleskine, o segnarmela nella memoria del BlackBerry o farne un documento da lasciare su Dropbox, insomma dovrei fare qualcosa per non perderla, per averla tutta lì parola dopo parola, perché “le parole sono tutto quello che abbiamo, perciò è meglio che siano quelle giuste”. E invece niente, sarà che sono pigro, sarà che le cose vanno come devono andare, fatto sta che dei libri mi rimangono le trame e i personaggi, ma non le frasi, i mattoni che compongono il muro, mi ricordo a memoria quella che ho citato prima, del vecchio e gigantesco Ray Carver, una di Stephen King e una, ma non proprio alla lettera, di Leopardi, che è come passare al setaccio tutto quel che si legge e perdere tante cose, così ogni tanto mi faccio un giro da chi il setaccio ce l’ha a maglie strettissime, e segna, appunta, memorizza – in giro per la rete ce n’è, il mio amico Zu col suo CuT’n’PaStE e la mia amica Paolina e ce ne saranno anche tanti altri e insomma se siete come me usate loro, che la memoria è una cosa preziosa e qualcuno che la conservi ci vuole e va tenuto da conto.
    CuT’n’PaStE, laPaolina