< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    14/01/2010

    Il colore della pianura e dell’asfalto

    Filed under: — JE6 @ 15:50

    La via è larga poco più della macchina. Il cielo ha il colore della pianura e dell’asfalto, e non si sente un suono se non quello dei tacchi degli stivali della donna che salgono i tre scalini dell’ingresso della villetta. L’uomo spegne il motore e socchiude gli occhi mentre ascolta un giornale radio. Aspetta, svuotando la testa. Dalla curva in fondo alla strada arrivano una ragazza e una bambina in bicicletta, strette nei piumini, nei guanti e nelle scarpe pesanti per difendersi dal freddo e dall’umidità. Un gatto passa attraverso le sbarre del cancello della villa. La porta della casa si apre, e la donna esce richiudendosela alle spalle. L’uomo la guarda mentre lei scende gli scalini e fissa lo schermo del telefono che ha tirato fuori dalla tasca dei jeans attillati, la guarda aggrottare le sopracciglia, la guarda sorridere. Quando lei apre la portiera e si siede, lui tira un respiro per farsi coraggio e fa un cenno con la testa verso il telefono che è ancora nella mano della donna. “Sei ancora arrabbiata?” le chiede. Lei ride nel grigio della sera che arriva: “No. Non ne ho voglia, e non ne vale la pena. Andiamo?”. Lui accende il motore, mentre il gatto rientra nel giardino della villa.