< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/01/2010

    Due candele

    Filed under: — JE6 @ 16:46

    Il giorno prima della fine, la lattaia entra nel piccolo magazzino del negozio nel quale ha passato quelli che sembrano tanti anni e provato a tirar su un figlio. Fruga negli scaffali ormai vuoti, muovendosi nel buio con la sicurezza dell’abitudine, fino a quando trova due candele abbandonate lì chissà quanto tempo prima. Tornando nei pochi metri quadri del negozio a una sola vetrina infila la mano nella tasca del grembiule bianco, scosta un pacchetto di sigarette appena aperto ed estrae un accendino. Fuori è buio, non è ancora l’ora dei rientri dal lavoro, il lungo marciapiede è vuoto. La  lattaia appoggia le candele sul banco e muove due passi fino a fermarsi sulla soglia. Si guarda intorno, a destra i due grattacieli in ristrutturazione, a sinistra la grande sagoma illuminata del centro commerciale. Rientra, accende le due candele, fa cadere qualche goccia di cera per farle rimanere dritte sul banco vuoto dal quale qualche ora prima ha tolto la zuccheriera. Sposta veloce lo sguardo per non farlo fermare sull’interruttore della luce che è stata staccata durante il fine settimana. Dall’altra tasca del grembiule tira fuori un foglio piegato in quattro, lo stende, lo rilegge per essere sicura di aver capito bene, per memorizzare l’orario in cui l’ufficiale giudiziario si presenterà per prendere possesso di quel buco polveroso che avrebbe dovuto darle da vivere. Ripiega il foglio, lo ripone nella tasca, torna sulla porta di ingresso, quella dietro la quale stava la macchina per fare i coni di panna montata. Una delle dottoresse che lavora nella farmacia a pochi metri di distanza esce per andare a prendere qualcosa nella macchina parcheggiata davanti a quello che anni prima era il negozio del fruttivendolo. La lattaia fa un cenno di saluto con la testa.