< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/01/2010

    Tu non lo sai cosa vuol dire

    Filed under: — JE6 @ 11:42

    Prima o poi capita a tutti di dirlo. “Tu non lo sai cosa vuol dire”: essere soli, fare un lavoro odioso, essere circondati di persone false, essere depressi, aver perso un figlio, essere brutti, essere giovani, essere vecchi, avere una madre rompicoglioni.
    Prima o poi capita a tutti di sentirselo dire, provando una sensazione mista di delusione e rabbia. Poi ci si pensa sopra, ci si rende conto che c’è del vero, si realizza che ognuno di noi sa cosa vuol dire ma lo sa in generale, lo sa per sé e lo sa per quella manciata di persone che ha vicine per davvero. Alle altre, poiché ognuno giudica per ciò che vede e ciò che sa, semplicemente è meglio non darsi in pasto.