< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • January 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/01/2010

    “Oh, quanto piangere che ho fatto”

    Filed under: — JE6 @ 12:12

    Abbiamo avuto tutti una zia che si metteva sul divano stringendo un fazzoletto, e passava ore a guardare film strappacuore per poi apostrofarci, contenta e disperata: “Oh, quanto piangere che ho fatto”.
    Ci pensavo rileggendo una mail ricevuta giorni fa, una mail che chiedeva di raccogliere le foto di una persona cara che non c’è più per farne una specie di album condiviso; pensavo che non contribuirò, non andrò a spulciare armadi e hard disk perché ormai da tempo non riesco più a guardare un film che so essere triste o doloroso, perché ormai da tempo faccio una fatica enorme ad affrontare quelle storie che ti prendono allo stomaco e lo strizzano come uno straccio per lavare i pavimenti. Scappo, svicolo, cerco di anestetizzarmi: di tutto questo ce ne può essere abbastanza in quel periodo che sta tra l’alba del risveglio e la notte del sonno. Un giorno poi, chissà.