< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • March 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/03/2010

    Il mio corpo che parla

    Filed under: — JE6 @ 09:40

    Ogni giorno che Dio manda in terra passo davanti alla vecchia casa, quella che abbiamo venduto tre anni fa, quella dove abbiamo passato dodici anni e spiccioli della nostra vita. Se non esco posso vederla affacciandomi alle finestre della sala, perché ci siamo spostati giusto di qualche centinaio di metri, a portata di occhio. Ha le tapparelle sempre abbassate, come se fosse disabitata; abbiamo chiesto agli amici che ancora abitano in quel palazzo se è davvero vuota, e ci hanno detto di sì, ci hanno detto che non ci abita nessuno. “Mi piaceva la nostra casa, un po’ mi manca”, mi ha detto questa mattina mia figlia mentre la accompagnavo a scuola. “Era la nostra casa”, le ho risposto. Era una cosa viva, piccola e labirintica, ma viva. Immettendomi nel vialone, quello lungo il quale stanno edificando nuovi palazzi, quello dove i Testimoni di Geova hanno costruito la loro Casa, pensavo a questi giorni dove il mio corpo ha ripreso a parlarmi – e quel che mi dice non è bello – pensavo al nostro vecchio appartamento come, appunto, a un corpo parlante, e ci pensavo con affetto e nostalgia; poi ho riascoltato il mio stomaco, il mio petto, e mi son detto che il silenzio può essere una gran bella cosa.