< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • April 2010
    M T W T F S S
    « Mar   May »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/04/2010

    Tanto era solo un gioco

    Filed under: — JE6 @ 20:39

    Adoro farmi ipnotizzare dallo snooker in tv. Perché assomiglia molto alla vita: a volte perdi una mano, o non entri mai in partita, e devi stare lì seduto a vedere l’altro che ripulisce il tavolo. Facendo anche la faccia fredda, o disinvolta, davanti alla telecamera. E poi stringere la mano, fingendo che “tanto era solo un gioco”.
    Marta Cagnola, su Facebook

    Getting a life (fake it till you make it)

    Filed under: — JE6 @ 09:10

    Lavarsi e vestirsi anche se non ce n’é bisogno, riordinare carte, riprendere a scrivere una storia in attesa che ne arrivi un’altra, stendere il bucato, leggere le notizie e non i fatti degli altri, dare un buongiorno. Provarci.

    Greetings from Paris ’10 – Una fisarmonica a Drancy

    Filed under: — JE6 @ 08:05

    Rifaccio la strada verso l’aeroporto. Il vagone si riempie e si svuota e si riempie, passa dal centro degli uffici e dei negozi e va verso la banlieue dei neri. Spengo il telefono. Ho di fronte un uomo magro, ubriaco e fatto, con una cicatrice sul naso, che si gratta nervosamente le guance tenendo gli occhi chiusi. Mi si siede a fianco una ragazza magnifica, fasciata da un abito di maglina viola, che scende in uno dei pochissimi paesi che attraversiamo che non dia l’idea di essere stato bombardato dal capitalismo moderno.
    Drancy. Quando ci sono stato l’ultima volta? Dieci anni fa, con Maria, e la sera siamo scappati per andare a Parigi. A Drancy sento un suono arrivare dal fondo del vagone, alle mie spalle. Una fisarmonica. E’ un suono pulito, chi tiene in braccio lo strumento lo sa usare di sicuro; è anche un suono triste, serio, malinconico, qualcosa che ha dentro una storia, o un sentimento. Muovo gli occhi dalle pagine del libro che tengo in mano al finestrino opaco; là fuori è una giornata stupenda, il cielo azzurro e le grandi nuvole bianche, villette e palazzoni e muri sbrecciati e sfasciacarrozze e un parco con un uomo che fa jogging. Il suono della fisarmonica continua. Sto leggendo la storia della banalità del male, mi torna in mente che da Drancy partivano i vagoni piombati che portavano ebrei e partigiani francesi ai campi di sterminio, e quella musica che sto ascoltando pare arrivare proprio da lì, dal 1941, dall’abisso. E’ strano come le cose si rincorrano, si incastrino, ti prendano in un tuo momento di lieve e coscientemente temporanea serenità – quando hai fatto tutto per non pensare a nulla – e ti graffino dentro senza un senso apparente. Il suonatore di fisarmonica percorre il corridoio, chiede soldi senza insistere, si sposta nel vagone successivo. Guardo i suoi capelli raccolti in una coda di cavallo che arriva a metà delle spalle, penso che dovrei andare dal barbiere, mi chiedo se ha raccolto quanto basta per tirare sera.
    Riaccendo il telefono. E’ il primo giorno di aprile del 2010, e tutto e tutti me lo ricordano. Scendo dal treno; adesso inizia la parte dura.