< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • April 2010
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/04/2010

    Via da qui

    Filed under: — JE6 @ 07:47

    Ci muoviamo lungo la via cercando di rallentare il passo, come a imporci – senza dircelo – un quarto d’ora di calma. Guardiamo la città con occhi diversi, chi trovando i suoi ricordi in mezzo ai negozi etnici e alle panetterie in franchising, chi scoprendo un luogo che solo pochi mesi fa non immaginava che esistesse – che potesse esistere. Sembra una sera estiva, una sera di vacanza nella quale il palmare può essere guardato dieci volte invece che cinquanta o cento, nella quale si può anche stare un po’ zitti o parlare di nulla. Indichiamo insegne, guardiamo vetrine di librerie. Mentre torniamo verso il parcheggio ci fermiamo sul marciapiede opposto a uno slargo della via: di là stanno le panchine, e una manciata di piante, e un gruppo di bambini che alle dieci di sera gioca a rincorrersi e si assiepa intorno a un uomo che porta un cane a passeggio; c’è la ragazzina con gli occhi stirati da orientale, e il bulletto so-tutto-io, e il resto della banda. E’ un paesino di cento metri quadri, chiuso tra palazzi di cinque piani e fermate di metropolitana e locali per gente come noi, che osserviamo la scena sorridendo. Il cane e il suo padrone continuano la passeggiata serale, i bambini sciamano via prima di essere richiamati in casa, noi torniamo verso la macchina, per dieci minuti via da qui, via anche da noi stessi.