< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • June 2010
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/06/2010

    Casa

    Filed under: — JE6 @ 15:33

    [Le cose che vengono in mente un giorno prima di vedere un paio di amici su West Broadway]
    Faccio questo lavoro da tanto tempo – a volte penso persino troppo, ma questo non importa – e alla fine si è creata questa specie di compagnia di giro, Arnaud e Stephan e Marta e Jessica e Per e Susan, e aspettiamo Tina dopo la maternità che ormai son due anni o forse tre che non ci vediamo, e ci vediamo sempre in giro per fiere e conferenze, come se fossimo in campo neutro che alla sera si va a cena e poi ognuno ritorna alla propria camera d’albergo. Ma a volte capita che si finisce a Rottweil, oppure a San Diego, o a Madrid, o a Milano, che ci si trova a casa di uno di noi, dove casa non è il salotto con il televisore e il mobile degli alcoolici, ma è il proprio microcosmo, è la Schramberger Strasse che scende fino allo svincolo per l’autostrada con le macchine parcheggiate precise a spina di pesce, è Balboa Park dove te ne stai sul ponte di pietra a guardare gli aerei che scendono e a un certo punto sono tutt’uno con lo skyline dei grattacieli e là in fondo c’è l’oceano, è Plaza Mayor dove ti siedi a guardare la gente che sciama e poi si ferma a guardare i mimi truccati di tutto punto, è un portone di Via Verdi che si apre e fa intravvedere un giardino interno di solito nascosto agli occhi dei passanti – è casa, la casa di uno di noi che la fa vedere agli altri accorgendosi che sì, c’è qualche crepa nei muri e a volte quelli del piano di sotto tengono la musica troppo alta, ma in fondo viverci non è così male, ché casa è qualcosa di più e di diverso dal posto dove si abita, casa siamo noi.