< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2010
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/07/2010

    Il giorno dopo MOPM

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Ieri tante persone hanno scritto – in pubblico e in privato – per dire che My Own Private Milano è una bella cosa. Anch’io penso che lo sia. Un po’ per i motivi a tutti evidenti: belle fotografie, bei racconti, e una splendida veste grafica. Un po’ per motivi che invece sono visibili solo a chi lo ha fatto: è una cosa seria fatta per gioco e un gioco fatto seriamente. Ed è – ma questa è una cosa che a parole è difficile spiegare – una manifestazione di fiducia tra persone che spesso non si conoscono nemmeno, se non attraverso quel che si scrive per blog e social network. Non voglio dare nessun particolare significato a una cosa piccola quale MOPM è. Non ci voglio costruire sopra alcun massimo sistema. Dico solo che ogni tanto capita che uno butta lì un’idea con la quale altri – più bravi e scafati – sarebbero anche capaci di fare quattro soldi e trova chi dice “dai, ci sto” senza alcun retropensiero. E il risultato è quello, il rispetto di un patto non scritto, dove i meriti si suddividono e ci si sente parte di qualcosa più grande e bello e nobile della somma delle nostre pochezze.

    Leave a Reply