< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2010
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/07/2010

    Sotto la lente

    Filed under: — JE6 @ 08:12

    Ogni tanto capita che “la vita degli altri” sia la tua, che sotto la lente e dietro il microfono ci sia tu e il tuo microcosmo, quello che non conosce nessuno, e torni a casa in una sera d’estate chiedendoti chi e cosa sei, perchè agli occhi e alle orecchie degli altri ognuno appare anche per quel che è e non solo per quel che mostra, domandandoti cosa sembri la tua vita di tappeti mancanti e schermi piatti e pareti arancioni, e pensando che chissà se per tutti – nessuno escluso – non sarebbe sempre e comunque meglio incontrarsi in campo neutro.

    One Response to “Sotto la lente”

    1. daniela Says:

      “perchè agli occhi e alle orecchie degli altri ognuno appare anche per quel che è e non solo per quel che mostra…”
      Questa sottile inquietudine ha la sua consolazione, se così si può dire: io credo che gli altri ci usino come specchi di loro stessi, mentre noi siamo presi ad arredare, mostrare, dire, sottolineare e dissimulare, sotto la spinta di un egocentrismo buono e sano, e anche divertente… siamo tutti un po’ protetti e un po’ ammaccati in realtà dai confini in mezzo…ma i loro, mica i nostri, insomma… le pareti di altri colori, magari più opportuni dell’arancione 😛

    Leave a Reply