< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/08/2010

    Tanti auguri a te

    Filed under: — JE6 @ 21:34

    Sono le sette di una sera di agosto, nella periferia di una Milano azzurra e senza nuvole, calma ma non assente. Parcheggio, guardo se arrivano macchine lungo il senso unico che taglia il quartiere, attraverso la strada. Mentre sto per entrare nel cortile, sento in lontananza delle voci, che in un altro momento dell’anno scomparirebbero nel rumore di fondo che anche qui non manca mai. Alzo la testa e le vedo, saranno una quindicina di persone tutte in piedi tranne una seduta su una carrozzina, riunite nel grande balcone della palazzina a due piani. Hanno dei piatti in mano, probabilmente stanno per mangiare una fetta di torta e bere spumante dry in bicchieri di plastica. Cantano “tanti auguri a te”. Mi fermo a guardarli, penso che quella √® la casa dove i malati terminali trascorrono gli ultimi tre o quattro giorni della loro vita – tanti auguri a te, tanti auguri a te, tanti auguri felici, tanti auguri a te.

    A qualcosa serviamo, a qualcosa servono

    Filed under: — JE6 @ 14:18

    I blog sono importanti perché sono la scialuppa di salvataggio dei tuoi pensieri.

    Il Bolso, sul FF di Massimo Morelli, che meglio non si potrebbe.