< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/08/2010

    Cicale

    Filed under: — JE6 @ 14:48

    La Grecia è un lungo frinire di cicale. Incessante, continuo, infinito, al punto che dopo un paio d’ore non lo senti più. E’ lo stesso silenzio implacabile e vivo della Sardegna che mi ricordo, ne ha la profondità e una specie di aggancio preistorico a qualcosa che siamo stati. Guardo la cinquantina di persone che affollano questo chilometro di spiaggia dell’Epiro e mi chiedo se anche loro sono come noi, se anche loro sono qui tra parentesi, se anche loro hanno il cervello e il cuore stanchi da trecentocinquanta giorni di sovraccarichi e montagne russe – giusto per essere stanchi di tanto vuoto e riposo tra due settimane -, se anche loro sono inebetiti a guardare la risacca ipnotica e l’impercettibile spostamento dei riflessi sull’acqua, se anche loro passano lunghi minuti a chiedersi delle proprie vite, fantasticando cambiamenti e piroette e catarsi per poi concludere che il problema non è la vita che fai ma come la vivi e quindi insomma che persona sei e a quali persone ti accompagni, mi chiedo cosa pensano, cos’hanno dentro. Poi chiudo gli occhi, e ascolto le cicale.